“Apocalypse now” e l’orrore di vivere

Imprescindibile come può essere solo un film espressione fedele e potente di tutta un’epoca, in questo caso quella degli anni ’60, Apocalypse now è un capolavoro cinematografico. Giustamente considerato la miglior pellicola sul Vietnam e annoverato fra i più riusciti film di guerra.

La scena madre dell’opera, simbolica e crudele, è certamente quella in cui il colonnello Kurtz (Marlon Brando) spiega la vera natura del reale, il motore atavico che da sempre lo muove e lo governa: l’orrore. 

L’uomo è incapace di ribellarsi a questa verità, ciò che può fare è scegliere se esserne schiavo e carne da macello oppure semplicemente servo, dedìto a perpetuarlo, alimentandolo. Ciò è ancor più necessario per un soldato.  

 Pietro Bellantoni

Pensieri: Paradiso di guerra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...