I biglietti da 100 euro? I più copiati dai falsari

In Italia il rischio di imbattersi in banconote abilmente falsificate è meno alto che in altri paesi della zona euro. E’ quello che emerge da un rapporto relativo al 2007 che la Banca d’Italia ha inviato al Parlamento. L’anno scorso le banconote falsificate sono diminuite dell’11,5% rispetto al 2006, passando da 135.499 biglietti a 119.917. Contraffazione al ribasso anche in relazione al 2005, con una flessione dell’11,3% (135.190 esemplari).

Un dato significativo e confortante, soprattutto alla luce di quanto avviene negli altri paesi che aderiscono alla moneta unica, dove il denaro falso è in costante aumento. Solo nel 2007 sono state ritirate 566.000 banconote contraffatte, il 13,4% in più rispetto all’anno precedente. Secondo il rapporto, inoltre, all’estero il taglio più soggetto alla falsificazione e con il quale aumenta la possibilità per un ignaro cittadino di prendere una solenne fregatura o di passare un brutto quarto d’ora, è quello da 50 euro (44% del totale), seguito da quello da 20 (22%) e dai 100 euro (21,5%).

In Italia, da quello che emerge, a far maggiormente gola ai falsari, invece, sono i tagli grossi. Lo studio della Banca d’Italia evidenzia, infatti, la loro spiccata predilezione per il biglietto da 100 euro (36,8%), poi per quello da 50 (36,5%) e infine per i 20 euro (19,2%). Se nel 2005 e nel 2006 erano soprattutto le banconote da 50 a essere imitate, nel 2007 si è invertita la tendenza, con i 100 euro che hanno raggiunto i 44.086 esemplari contro i 43.796 dei 50.

Bankitalia ravvisa lo stesso trend anche nei primi tre mesi del 2008. I 50 euro continuano a essere i più falsificati in Eurolandia (35,2% del totale), mentre in Italia sono i 100 euro a occupare il 36,2%, seguiti dal 34,9% dei 20 e dal 24,8% dei 50. La Banca d’Italia ha, inoltre, inviato alle Camere anche dati aggiuntivi relativi ai biglietti danneggiati nel primo trimestre 2008. Ad essere presi in esame sono stati 3.509 esemplari e fra questi 3.468 hanno avuto l'”ammissione al cambio”. In più, 659 di queste banconote sono state trasmesse ai comandi provinciali della Guardia di Finanza, in quanto in via Nazionale il loro danneggiamento è stato ritenuto in stretta connessione con atti criminosi.

Pietro Bellantoni

7 luglio 2008

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...