A Bardonecchia i temerari dei tuffi

Tuffi%20estremiLa diga Enel di Rochemolles oggi non si limiterà a generare soltanto energia idroelettrica ma, grazie a un trampolino piazzato a 24 metri di altezza e a tuffatori impavidi, produrrà una scarica gratuita di adrenalina in tutti gli spettatori, in occasione della gara della coppa del mondo di Tuffi dalle Grandi Altezze «Trofeo Intersport Le Baite». Per il secondo anno consecutivo, il bacino che alimenta la centrale di Bardonecchia è teatro di questo evento sportivo mozzafiato, al quale prenderanno parte 12 atleti provenienti da 10 paesi, che con le loro evoluzioni daranno vita a uno spettacolo straordinario e ricco del fascino che solo la sfida fra l’uomo e il volo sa provocare.
Il calendario della coppa del mondo prevede poi le tappe alla diga Enel di Lanzada (Sondrio), a Kanal e Koper (Slovenia). La manifestazione di Rochemolles è inoltre uno dei due appuntamenti della «Coppa delle dighe Enel», una sorta di gara nella gara che riguarda solo le prestazioni effettuate nei bacini della azienda elettrica.

Una giornata dedicata dunque alle emozioni provocate da salti mortali, avvitamenti e doppi carpiati, promossa dalla Fedemar, la federazione europea Sport del Mare che dal 1988 organizza competizioni alle quali hanno preso parte i migliori tuffatori del mondo.

Le prove ufficiali iniziano alle 11, mentre alle 15 è previsto l’avvio della gara vera e propria. Ogni atleta ha a disposizione due tuffi, effettuati secondo coefficienti di difficoltà variabili. A valutare le performance saranno cinque giudici che esprimeranno il loro giudizio in base alla correttezza, alla precisione e all’eleganza dell’esecuzione. I vincitori saranno premiati alle 21.30 in piazza De Gasperi a Bardonecchia, dove un maxischermo proietterà le immagini della gara. Nelle 21 edizioni precedenti, la manifestazione ha sempre riscontrato un grande interesse da parte del pubblico, affascinato dal rischio e dalla spettacolarità dei tuffi, effettuati da altezze impressionanti a oltre 100 km di velocità. Il tutto accompagnato da un perfetto sincronismo corporeo e da un equilibrio psicologico perfetto.

Nel corso delle gare e nel resto della giornata, gli spettatori potranno unire lo spettacolo sportivo ai piaceri gastronomici, assaggiando i goffe (la pietanza tipica dell’alta Val di Susa) preparati dal gruppo Aib di Salbertrand, mentre durante la pausa tra le prove e le competizioni gli alpini di Bardonecchia prepareranno piatti a base di polenta, salsicce e spezzatino.

Pietro Bellantoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...