“È vero, il certificato antimafia non serve a niente”

“Ha ragione Brunetta: il certificato antimafia non serve a niente”. A condividere la contestatissima affermazione del ministro per la pubblica amministrazione è Lucio Dattola, presidente della camera di commercio di Reggio Calabria. Durante il suo intervento al convegno “Etica nelle professioni” – in memoria dell’ingegnere Demetrio Quattrone, ucciso dalla ‘ndrangheta nel 1991- Dattola ha spiegato: “Una attestazione del genere non ha alcun senso in questo momento di crisi economica. Il certificato antimafia costa dai 40 ai 60 euro, soldi spesi inutilmente, visto che si potrebbero sottoporre a verifica soltanto i primi nelle graduatorie. Invece oggi commercianti e imprenditori sono costretti ad affrontare oneri non necessari e lungaggini burocratiche”. Posizione non condivisa da Enza Rando, dell’ufficio legale dell’associazione Libera: “Come fa il governo a stilare un codice antimafia e subito dopo dire che il certificato non serve più? È evidente che esiste un problema di credibilità.

Pietro Bellantoni

Annunci

Una risposta a ““È vero, il certificato antimafia non serve a niente”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...